lifestyle

Tante Storie…altrettanti Social!

Zuckerberg ne ha inventata un’altra!

Ragazze, smartphone alla mano e (se non lo avete ancora fatto) aggiornate WhatsApp!

soon-873316_960_720Ebbene sì, il nostro caro amico Mark non si accontenta più delle storie di Instagram e Facebook…ora si possono creare “stories” anche attraverso il social di istant messagging WhatsApp.

Se non siete super-patite di social network e non avete idea di cosa stia parlando, vi racconto tutto in un lampo.

Anzi, dato che al nostro caro creatore di Facebook piacciono così tanto, ora vi racconto io una bella storia.

Nel lontano 2011 (ma non poi così lontano) 2 ragazzi, Bobby Murphy ed Evan Spiegel , hanno ideato un’applicazione per smartphone e tablet chiamata SNAPCHAT (che, tra l’altro, io adoro alla follia).

26585494443_7eb6da56f2_b

Con questa App è possibile inviare e caricare sul proprio profilo foto e video (di durata limitata), aggiungendo filtri, emotiocons, disegni, scritte e chi più ne ha più ne metta.

E fin qui nulla di strano…esisteva già Instagram per questo, penserete voi… E invece no!

Perché la particolarità di Snapchat è che qualsiasi cosa tu decida di “postare” si auto-elimina nelle 24 ore. Questo significa che i tuoi snap (così vengono chiamate le pubblicazioni su questo social) non restano per sempre, ma si cancellano, così come i messaggi privati che spariscono dopo essere stati letti dal destinatario. 

Ora non sto a spiegarvi tutti i vari funzionamenti di Snapchat…ma se vi interessa andate nel vostro Store, scaricate la App e guardate qualche video su Youtube per sapere come funziona e come ricercare i vostri amici.

Detto ciò ritorno alla mia storia.

Dov’ero rimasta??

Ah sì!

Questi due ragazzi hanno inventato un social che fa impazzire il mondo intero! Ed è chiaro che la cosa non è piaciuta molto al sig. Mark Zuckerberg.

Perché dico questo? Perché ho le mie ragioni… Ora vi spiego perché.


Mark, ideatore di Facebook, social nato nel 2004 (e già plurimiliardario solo per questo), nel 2012 decide di acquistare un altro social network diventato molto popolare tra i giovani: INSTAGRAM.

f_icon-svginstagram-1594387_960_720

Ma la sua scalata al successo in rete non finisce qui.

Nel febbraio del 2014, la sua società acquista anche WHATSAPP , che fino ad un anno fa contava un miliardo di utenti in tutto il globo ed il cui numero è in costante aumento.

Io ho pensato: “Ok, ne avrà abbastanza…no?!”

E infatti… NO!

Nel 2013 Mark ci aveva tentato ancora. Ma, per sua sfortuna, senza esito positivo questa volta. Mark aveva adocchiato  Snapchat…ma l’affare non è andato in porto. “Non è in vendita” avevano dichiarato i due creatori del tanto amato social ed hanno rifiutato a Mark la cifra di 1 miliardo di dollari. 

Ed il bello arriva proprio adesso, a cavallo del 2016 – 2017.

Perché come ben sapete (o avrete senz’altro notato dai vostri telefoni), guarda caso ora Instagram ha le sue “Stories”, ovvero post (tra foto e video) che durano (pensate un po’!) la bellezza di 24 ore e poi spariscono dai vostri profili. Facebook ora fa la stessa cosa: Storie che si postano e che il giorno dopo non ci sono più. E… quando l’ho visto ieri mi sono cadute le braccia!! Anche WhatsApp ha introdotto il nuovo “Stato” che altro non è che una foto o video che puoi pubblicare nel tuo account e che si auto-elimina con il giro dell’orologio.


Ma io dico!

Un po’ di originalità, Mark!!

E poi con tutte le storie di tutti, su tutto, che girano su tutti i benedetti social… non stiamo esagerando un pochino??

Bah… no comment.

Io resto fedele a Snapchat e non penso pubblicherò molto spesso le “storie” sugli altri social (che lo stanno solo copiando).

Perché?

Perché stimo molto Bobby e Evan… che non si sono lasciati comprare e che restano fedeli al loro progetto.

LUNGA VITA A SNAPCHAT!

PS: Se vi interessa entrare nel bellissimo e coloratissimo mondo del fantasmino giallo, venite a trovarmi! Il mio nickname è (ovviamente) nikilifebeauty 😉 Cercami oppure scansiona dall’interno dell’app il mio code

screenshot_2017-02-23-09-00-27

Un bacione

Niki

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *